Nuovo Patent Box, cosa cambia

La Legge di Bilancio 2022, approvata dal Parlamento il 30 dicembre 2021, introduce modifiche per alcuni aspetti decisamente vantaggiose sull’agevolazione conosciuta come Patent Box.

Fino a oggi, il Patent Box era una tassazione agevolata sui ricavi ottenuti dallo sfruttamento dei brevetti e di altri beni immateriali tutelabili secondo la legge. Vediamo cosa cambia con le modifiche introdotte.

Le caratteristiche del nuovo Patent Box

  • Con il nuovo Patent Box, l’agevolazione cambia pelle e diventa una maxi-deduzione direttamente connessa ai costi per lo sviluppo e il mantenimento di alcuni beni immateriali tutelati.
  • La deducibilità sale dal 50% al 110%, e può essere applicata alle spese sostenute negli otto periodi d’imposta precedenti a quello in cui il bene immateriale ottiene il titolo di privativa industriale.

Tra i beni che rientrano nell’agevolazione figurano:

  • Altri beni immateriali giuridicamente tutelati

Rimangono esclusi i marchi e il know-how.

Patent Box, esempio pratico di calcolo dell’agevolazione

Facciamo un esempio pratico per dare un’idea di come funziona il nuovo Patent Box e di quale possa essere il suo impatto.

Prendiamo il caso di una società attiva nella produzione di macchinari innovativi che abbia conseguito uno o più brevetti sui propri prodotti.

Supponiamo che l’azienda possa documentare un costo di implementazione dei brevetti di € 350.000.

A questo si applica la maggiore deducibilità fiscale dei costi ai fini IRAP e IRES: € 350.000*110%= € 385.000.

Nell’ipotesi di IRES al 24% e IRAP al 3,9%, il risparmio fiscale ottenuto è di € 107.415.

Se la stessa azienda avesse sviluppato e tutelato anche un software, i costi legati a questo avrebbero seguito a loro volta la stessa logica di agevolazione.

Considerando che, come già sottolineato, il Patent Box risulta cumulabile con il credito d’imposta R&S, la somma delle diverse agevolazioni consente di abbattere notevolmente i costi grazie a un risparmio fiscale considerevole.

L’entrata in vigore del nuovo Patent Box

Per concretizzare la norma che regola il nuovo Patent Box, il Ministero dello Sviluppo Economico emanerà a breve un decreto ministeriale attuativo e l’Agenzia delle Entrate varerà a sua volta due provvedimenti relativi alle modalità per accedere all’agevolazione e alle modalità di conservazione e consegna della documentazione da presentare.

Questa nuova norma conferma il trend, già evidente negli ultimi anni, di una volontà espressa a livello nazionale, di spingere ed incentivare le aziende verso il corretto uso degli strumenti di proprietà industriale come acceleratori di business e catalizzatori di nuove opportunità di crescita per le aziende.

ITALBREVETTI naturalmente resta a disposizione per fornire maggiori informazioni e supporto.

RICHIEDICI INFORMAZIONI

La prima consulenza è sempre gratuita

Potrebbe interessarti

News
14 Dicembre 2021
News
2 Agosto 2021
News
21 Dicembre 2020
News
11 Febbraio 2019
News
23 Gennaio 2019
News
20 Febbraio 2018